frutta-secca-frutta-disidratata-differenze-oliviero

Molti dei nostri prodotti sono a base di frutta secca e frutta disidratata: ma quali sono le differenze? Scopritelo continuando la lettura. 

Sotto forma di barretta morbide o croccanti o in bustine, la frutta secca e disidratata sono un alimento che si consuma tutto l’anno. 

Sotto l’ombrellone, durante gita fuori porta, in una pausa di lavoro o di studio, per prepararso ad un’intensa sessione sportiva o per ricaricarci dopo uno sforzo. Sono così buone e salutari che non possiamo farne a meno. Sebbene vengano spesso chiamate genericamente “frutta secca”, sono due alimenti distinti. Ma quali sono le differenze tra frutta secca e frutta disidratata? Vediamole insieme. 

Le differenze

La prima grande differenza è che la frutta secca – o a guscio – fa riferimento ai semi commestibili di diverse piante; mentre la frutta disidratata non è altro che frutta fresca privata di una parte d’acqua. 

La seconda differenza riguarda la percentuale di grassi insaturi e zuccheri: infatti, se nella frutta secca troviamo più grassi insaturi e meno zucchero, in quella disidratata troviamo più zuccheri ma meno grassi. 

Queste caratteristiche fanno si che, sia la frutta secca che quella disidratata, siano perfette a colazione, come spuntino o snack perché sono un mix energetico perfetto. Grazie poi all’alto contenuto di fibre aumentano il senso di sazietà e ci aiutano a mantenere la linea. 

Frutta secca a guscio

La frutta secca a guscio è ricca di omega-6 e omega3, i cosiddetti grassi buoni. Contiene poca acqua, pochi zuccheri, una buona quantità di proteine, è ricca di fibre, vitamina B ed e di Sali minerali come magnesio, potassio, ferro, rame, fosforo e calcio. La frutta secca più comune in Italia comprende noci, nocciole, mandorle, pistacchi, anacardi e arachidi.

Frutta disidratata o essiccata

La frutta disidratata o frutta essiccata è frutta fresca privata di una percentuale di acqua. Grazie alla disidratazione questi frutti sono ricchi di Sali minerali, vitamine e fibre e hanno un basso contenuto di grassi. Contenendo anche una percentuale di zuccheri sono ideali per fornire energia prima di una sessione di attività fisica. La frutta disidratata più comune in Italia sono fichi, datteri, albicocche, prugne, mango, papaya, pomelo, ananas e zenzero.

Tutte queste preziose caratteristiche sono un grande aiuto all’organismo soprattutto in estate. È per questo che la nostra azienda promuove #ilgustosanodellestate con i prodotti del mese della categoria barrette con frutta secca e frutta disidratata. Visitate il nostro shop per scoprirle tutte.

Se questo articolo vi è piaciuto condividetelo sui social e non dimenticate di seguirci su facebook

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.